Forse l’esplosione di una stella,
un puntino di luce in mezzo all’erba.
E poi.   Poi il mistero della vita
che si fa raggio e moltiplicazione,
matematica e sogno azzurro.
I secoli non c’erano,  non ci sono
tempo   spazio   luogo
senza la mia mano a misurarli,
lo sguardo a penetrarli,
la testa a fare il calcolo dei giorni.
Un brillìo, un palpito,  un ruscello
d’acqua e di sangue,
una corsa dentro una parentesi.
E poi il silenzio, ancòra.
O una luce intermittente.
Chissà dove.

Annunci