Tag

, , ,


alla donna

In te avevo creduto
più che in qualunque uomo.
Ti avevo coccolato,
riempito di promesse,
per essere la prima,
tra noi due, che volesse
credere in un futuro
chiaro, leale, nuovo,
paritario, sicuro.
Ma un giorno inaspettato,
per un qualche motivo
di cui neanche ricordo
l’originario abbrivo,
tu mi desti uno schiaffo.
Era uno schiaffo lieve,
non violento, ma secco,
tra la guancia ed il mento,
di cui poi ti scusasti
qualche attimo dopo,
cercando le mie labbra
con le tue, come un pegno
per quella “ragazzata”.
Io ti dissi: “Fa niente!”
Ma dentro mi sentivo
bruciare un fuoco d’odio,
d’orgoglio, di disgusto.
E in silenzio dicevo:
“No, non è certo lui,
per quanto intelligente,
serio, bello, potente,
della potenza vera,
quella che qualche sera
ti dà di che star sveglia
fino a notte inoltrata,
non è lui la dorata
prigione in cui restare
fino a pena scontata.
E’ una condizionale,
e questa è la cauzione.”
All’alba già scendevo,
furtiva, le tue scale;
e dietro le mie spalle
sbattei forte il portone.

Sandra Merlo

Sandra Merlo è nata a Roma nel 1981. Ha pubblicato le sue poesie, finora, solo in alcune riviste, tra cui “Ellin Selae”, ed in alcuni spazi letterari del Web.