Diva

che dormi discinta
dimenati docile
divarica il derma
denudati desta
dardeggia desueta
dipingiti donna
distesa su un drappo
diventa declivio
dirupo / e decolla
diabolica e diafana
divora i miei dubbi
dammi una dose d’amore dissolto
distilla il diluvio
disarma il mio dogma divino
dilegua il discorso
duella col dramma.
Se la direzione
è un decreto dettato
da un despota duro
un divieto in divisa
discorde al disarmo
che danaro distratto
dissipa a dado
divora il desco con dente di drago.
Domanda dolente / al deserto
un detrito di duna
a dispetto digiuna
disposta al dolore
al duello / a disfatta /
al delirio / al destino/
a un dissenso disperato
e duetta con Dio
dissacrandolo
daccapo/
Diva…