Tag

, , , , ,


 

AJNA CHAKRA Transition 30 x 30 cm acrilico 2010

*

Lo psicologo interpreta l’ alito dell’ anima.  Alito anche feroce. Il pittore crea con l’ ingegno e l’ ingegno si nutre di anima e  si  prova, forte e anche feroce di tale nutrimento, a liberarla da alcune delle sue prigioni, così che possa farsi accogliente e robusto nido per sostenersi e  sostenere chi in lei cerca conforto. Luis Formaiano è psicologo e pittore, ma non solo: anche poeta e scrittore. Lo studio della moltitudine di doni che dal profondo dello spirito umano erompe manifestandosi estroversa o introversa  è la ragione del suo ri-cercare/ri cercarsi umano ed artistico. Luis chiama porte (aperte), le sue tele. La porta è strumento per entrare in un luogo chiuso ma anche per uscire da un luogo chiuso e come dice l’ artista: “… voglio incoraggiarli [coloro che entrano in contatto con le sue opere. n.d.r.] ad osare il passaggio attraverso la porta aperta dei miei quadri  e a condividere la riflessione del mio mondo interiore nella ricerca del mistero della vita.Nelle opere di Luis Formaiano lo sfondo è pienamente compreso nelle figure in primo piano e viceversa: l’ effetto visivo è di passaggi rapidi di toni dei colori dove questi ultimi svenano in frammenti per poi ricomporsi  oltre la tela e il confine oggettivo di apparenza che li scherma, in vera cosa sola [soggetto/i più sfondo] ossia pregno sintomo di unita rilevanza omogenea ma conservante  in nucleo il suo doppio valore individuale iniziale ma anche oserei iniziatico sulla tela che pare essersi adattata alla sommatoria delle campiture e non viceversa. Il colore –  elettrogeno poetico – interamente dedito alla tela grazie alla sensibilità del pittore – considera con cura estrema la caducità umana e con danza onirica in mente  si dilata attorno le figure fino ad assentarsi in una morte plastica del segno che fonde e si confonde torcendosi da aggregato macroscopico di fisicità umana a fusione siderale verso l’ alto: inteso come nutrito di maturazione in un unicuum: atto anche questo, fulmineo. Ogni quadro di Formaiano è unico come unico, cioè consapevole dell’ essere legione, è ogni uomo: egli stesso tela erogena corporale/mentale sensitiva che sprigiona l’ immediatezza  sensazionale in r-apporto relazionale e medianico nella Natura, con la Natura.
(paola lovisolo)

*

INIZIO GALLERIA

 

Svadhistana Chakra Movement 30 x 30 cm acrilico 2010

*

Muladhara Chakra Into the world 30 x 30 cm acrilico 2010

*

The man that was 120 120 cm acrilico 2006

*

Gortoz a ran I will be waiting 80 X 60 cm acrilico 2004

*

Alter Ego 60 x 80 cm acrilico 2002

*

The Journey 80 x 60 cm acrilico 2002

*Nobody communicates with anybody Panel 1 70 x 70 cm acrilico 2002

*

Nobody communicates with anybody Panel 2 70x70cm acrilico 2002

*

The mask behind the mask 60 x 80 cm acrilico 2002

*

In the Realm of the Senses 80 x 60 cm acrilico 2002

*

The Pleasure Principle 80 x 60 cm acrilico 2002

*

Love pain and all the rest 70 x 70 cm acrilico 2002

*

The Unfolding 80 x 60 cm acrilico 2001

*

Meeting the Shadow 150×150 acrilico 2001

*

Facing the World 80×60 cm acrilico 2001

*

The eternal dream 80x60cm acrilico 2001

*

The First Big Blow 150×150 cm acrilico 2000

*

We are but what we were 100x100cm acrilico 1999

*

The Prison of the Ego 100x100cm acrilico 1999

*

Communion 100×100 cm acrilico 1999

*

Expansion 100×100 acrilico cm 1998

*

Too Busy to Listen 70x70cm acrilico 1998

*

Aurora Borealis 70x70cmacrilico 1997

*

Metamorphosis 70x60cm acMrilico 1997

*

Sudden Temptation 60×60 cm acrilico 1997

*

The Mandate 80x60cm acrilico1997

*

Intuition 80×60 acrilico 1997

*

The Sign 80x60cm acrilico 1997

*

Life is the Option 70x70cm acrilico 1996

 

***

C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore.
Non credo che si possa viaggiare di più nel nostro pianeta.
Così come non credo che si viaggi per tornare.
L’uomo non può tornare mai allo stesso punto da cui è partito, perchè, nel frattempo, lui stesso è cambiato.
Da sè stessi non si può fuggire.
Tutto quello che siamo lo portiamo con noi nel viaggio.
Portiamo con noi la casa della nostra anima, come fa una tartaruga con la sua corazza.
In verità, il viaggio attraverso i paesi del mondo è per l’uomo un viaggio simbolico.
Ovunque vada è la propria anima che sta cercando.
Per questo l’uomo deve poter viaggiare.

Andrej Tarkovskij

*

Note biografiche

Luis Formaiano scrive di sé: sono nato a Buenos Aires nel 1956, ventenne mi sono trasferito a Londra dove ho vissuto quattro incredibili anni durante i quali ho sviluppato una duratura ammirazione per la pittura preraffaellita e simbolista. Al mio ritorno in Argentina mi sono laureato in Psicologia presso l’Università di Buenos Aires con specializzazione post laurea in Terapia dell’ Arte. Cerco continuamente risposte alle eterne questioni delle quali epicentro è l’ ESSERE UMANO… la ragione della sua esistenza. I principi delle Teorie della Gestalt hanno gettato le basi del mio lavoro artistico, ma trovo anche ispirazione nei lavori di Rudolf Steiner e C. G. Jung, nei films di Andrei Tarkovsky e Alexander Sokurov, nella musica di Claudio Monteverdi e nelle voci di Lisa Gerrard e Azam Ali, per nominarne giusto alcuni. Sono diventato un artista come conseguenza dell’esplorazione del mio essere interiore. A seguito di una crisi emotiva ho trovato conforto nel creare e ricreare mondi, storie e sogni su una tela. In un certo senso il diventare un artista ed avere una professione come psicologo hanno favorito il mio interesse e la formazione all’arte terapia. Oggi posso dire che questi tre elementi si uniscono in un perfetto triangolo che ha dato un nuovo senso alla mia vita. Ogni singolo essere umano ha una missione. Alle volte non ce ne rendiamo conto, ma se lo facciamo, dobbiamo allora dirigere tutta la nostra energia al compimento di essa. La mia missione è dare a tutti coloro che entrano in contatto con le mie opere l’opportunità di sognare su altri mondi, entrare in dimensioni nelle quali qualsiasi cosa sia possibile, e dimenticare i problemi di ogni giorno. In breve, voglio incoraggiarli ad osare il passaggio attraverso la porta aperta dei miei quadri e condividere la riflessione del mio mondo interiore nella ricerca del mistero della vita. Attualmente pratico privatamente come Psicologo e Arte Terapeuta; negli ultimi tre anni ho coordinato il gruppo di lavoro Art Therapy per i pazienti HIV+/AIDS nella città di Buenos Aires e il Dipartimento di Art Therapy presso la Carl G. Jung Foundation of Argentina dove insegno.
Sono tra i membri fondatori della Argentine Art Therapy Association ed oltre che arte terapeuta mirato al lavoro di gruppo con ammalati di hiv/aids ho dedicato molto della mia esperienza a pazienti psicotici e a pazienti affetti dal morbo di Parkinson.
Ho fatto in modo di avere un mio programma radio su internet che consente un’ora di relax dove posso lasciar fuori tutte le preoccupazioni e semplicemente divertirmi un po’:

http://www.radiozonica.com.ar/

sito web artistico:

http://www.absolutearts.com/portfolios/f/formaiano/


SOLO EXHIBITIONS:
2009 – “I will be waiting”, Corporación Buenos Aires Sur, Buenos Aires, Argentina.
2003 – “The Unfolding and other work”, Art Master Galerie, Prague, Czech Republic (ongoing exhibition through the gallery´s websit)
2003 – “The Unfolding and other work”, Galerie De Provoost, Brielle, The Netherlands
2003 – “The Unfolding,” OD Art Galerie, Delft, The Netherlands
2002 – “Apuntes Biográficos”, Pabellón IV, Buenos Aires
2001 – “The Vicissitudes of Man, a Preview”, Palacio de las Artes, Buenos Aires
2000 – Sarmiento Library,Ceres, Santa Fe
1999 – “Communion,” Palacio de las Artes, Buenos Aires
1998 – APSEE Gallery, Buenos Aires
1998 – “Somewhere,” Manzana de las Luces, Buenos Aires
1998 – Galerie De Sigarenfabriek, Delft, The Netherlands
1997 – “From Formaiano to Formaiano,” Palacio de las Artes, Buenos Aires
1997 – “Full Circle”, Cesano Maderno, Milano, Italy

COLLECTIVE EXHIBITIONS
2010 – “NX Arte”, Nexo Asociación Civil, Buenos Aires, Argentina.
2004 – Braque Art Gallery, Buenos Aires
2004 – “Art by Art Therapists”, De la Carcova Art School, Buenos Aires
2003 – “Reconciliable Differences”, The Jersey Galleries, Osterley Park House, London, UK
2003 – “Discriminarte”, Puffin Foundation, New Jersey, USA
2002 – “Discriminarte”, Palacio de las Artes, Buenos Aires
2002 – Contemporary Argentine Art in Prague, Art Master Galerie, Prague, Czech Republic
2001 – Contemporary Argentine Art in The Netherlands II, Galerie De Sigarenfabriek, Delft, The Netherlands (previously shown at Palacio de las Artes, Buenos Aires)
2001 – Artelite Galeria de Arte, Buenos Aires
1999 – Contemporary Argentine Art in The Netherlands, Galerie De Sigarenfabriek, Delt, The Netherlands (previously shown at Palacio de las Artes, Buenos Aires)
1999 – Contemporary Argentine Art in Cuba II, Parque Morro Cabaña, Havana, Cuba (previously shown at Palacio de las Artes, Buenos Aires)
1998 – Contemporary Argentine Art in Cuba I, Parque Morro Cabaña,Havana, Cuba (previously shown at Palacio de las Artes, Buenos Aires)
1998 – Annual Exhibition of the Lihla Group, Palacio de las Artes, Buenos Aires
1998 – IV Meeting of Painters with Bollini, Galeria La Dama de Bollini, Buenos Aires
1998 – “Exposicion con Forma,” Municipality of Monte Grande, Buenos Aires
1996 – II Meeting of Painters with Bollini, Galeria La Dama de Bollini, Buenos Aires
1996 – Galeria Forma, Buenos Aires

ALCUNE NOTE CRITICHE

La produzione artistica di Formaiano ha l’esuberanza e la forza della poesia di Walt Whitman .
I suoi sono dorati, vitali e dinamici uomini.
I loro corpi sono magnificamente disegnati e dipinti in vivide tinte.

(Alfredo Cernadas Quesada, The Buenos Aires Herald)

[…]

Con un delicato stile di pittura ed una infinità di quasi impercettibili pennellate, Luis Formaiano crea atmosfere nelle quali insinuanti figure perdono tutta la loro gravità, fluttuanti si amalgamano con il sottofondo.
I suoi paesaggi sono il prodotto di una immaginazione arricchita da una sensibilità culturale, mentre i suoi colori irradiano di propria luce, oscillando tra nitidezza e densità. Calde dorate tinte diventano arancioni ed ocra, mentre l’azzurro diventa così scuro, sembrano invitare lo spettatore a tuffarsi nel dipinto. Sagome a malapena accennate, un paesaggio surreale e così ambiguo da divenire un invito a partecipare, a misura di ogni singolo spettatore. Ancora una volta Luis Formaiano unisce arte e scienza in ogni suo lavoro, alle volte nel tentativo di svelare l’anima dell’essere umano, altre volte nell’approfondirne il mistero. L’arte permette a Luis Formaiano di cercare negli abissi dell’anima, proprio come egli fa nella propria professione, tramite la Gestalt Psychology, catturando l’essenza di entrambi, esseri umani ed oggetti. Un lavoro ontologico il suo che possiede un alone di reminiscenza di cose che non possono essere, per i suoi desideri , per irrealizzati sogni , per l’illusione di una raggiunta perfezione. Contemplando i suoi lavori viene alla mente la filosofia dell’idealismo. Nel suo “Trattato sull’ Estetica“ Benedetto Croce scrive che “l’arte è visione ed intuizione“, virtù a piena misura possedute da Formaiano.

(Review written by the curator of the exhibition “Somewhere”, held at Manzana de las Luces Art Gallery, Buenos Aires )

[…]

Luis Formaiano oltre ad essere un artista è uno psicologo, professione che adeguatamente aiuta la sua ricerca nel mondo dei colori.
Nei dipinti di Formaiano il colore viene prima del segno, o del disegno (da quando egli dipinge secondo i principi della Gestalttheorie).
Questo è ciò che più affascina chi si avvicina ai suoi dipinti , al primo sguardo gli occhi riescono ad assorbirne la sinfonia cromatica.
Questo ci da la misura di una forma d’arte che, nonostante provenga da altro paese, felicemente combina la luminosità di brillanti tinte con la vivacità dei paesaggi italiani in un delicato omaggio alla sua patria.

(Augusto Crepaldi, Art Critic “Il Cittadino”)

 

*

sentitamente ringrazio l’ amico artista Emilio Merlina per la segnalazione e la traduzione dei pezzi in lingua.

 

 

 

 

*

Questo blog è dotato di un traduttore automatico

This blog is equipped with an automatic translator