Tag

,


Ildegarda di Bingen raffigurata su un manoscritto medievale

Nata in Germania,sulle rive del Reno, nel 1098 e morta nel 1179, Ildegarda fu celebre filosofa benedettina,venerata come Santa, fondatrice di diversi monasteri, scrittrice,musicista, drammaturga, linguista,consigliera politica, naturalista, guaritrice, profetessa e poetessa, per la quale la donna personificava idealmente l’umanità di Gesù.

La donna melanconica

Ci sono donne magre e dalle vene sporgenti

con ossa di grandezza media

Il colore del loro sangue è più scuro che rosso

e il loro volto è grigiastro,quasi cereo.

Sono mutevoli come il vento

e i loro pensieri vagano qua e là.

Spesso si sentono oppresse da malanni tormentosi

hanno poca resistenza

e ogni tanto diventano malinconiche.

Nel loro ciclo mensile soffrono di un flusso abbondante,

sono sterili

e il loro utero è debole e fragile.

Non sono in grado quindi di accogliere

trattenere e riscaldare il seme dell’uomo:

se non si sposano

vivono più sane, forti e liete.

E questo perché, dopo aver fatto l’amore

si sentono sfinite.

Allora gli uomini si allontanano da loro

anzi le fuggono:

le donne malinconiche non sanno parlare agli uomini con dolcezza

e in fondo non li amano veramente.

Ma talvolta il piacere dell’amore le invade

anche se per breve tempo

anche se subito lo dimenticano.

Se la menopausa arriva troppo presto soffrono sovente di gonfiori alle gambe

e diventano nervose e un po’ folli.

Se Dio o la medicina non le aiuta

muoiono giovani.

Ildegarda di Bingen

[immagini da Wikipedia agli indirizzi

 

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Hildegard.jpg;

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Ildegarda_di_Bingen-wiki.jpg%5D