Tag

, , , ,


Foto di Silvia Marmori

Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom-friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the moss’d cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core;
To swell the gourd, and plump the hazel shells
With a sweet kernel; to set budding more,
And still more, later flowers for the bees,
Until they think warm days will never cease,
For summer has o’er-brimm’d their clammy cells.

Who hath not seen thee oft amid thy store?
Sometimes whoever seeks abroad may find
Thee sitting careless on a granary floor,
Thy hair soft-lifted by the winnowing wind;
Or on a half-reap’d furrow sound asleep,
Drows’d with the fume of poppies, while thy hook
Spares the next swath and all its twined flowers:
And sometimes like a gleaner thou dost keep
Steady thy laden head across a brook;
Or by a cyder-press, with patient look,
Thou watchest the last oozings hours by hours.

Where are the songs of spring? Ay, where are they?
Think not of them, thou hast thy music too, –
While barred clouds bloom the soft-dying day,
And touch the stubble-plains with rosy hue;
Then in a wailful choir the small gnats mourn
Among the river sallows, borne aloft
Or sinking as the light wind lives or dies;
And full-grown lambs loud bleat from hilly bourn;
Hedge-crickets sing; and now with treble soft
The red-breat whistles from a garden-croft;
And gathering swallows twitter in the skies.

*** All’Autunno

Stagione delle nebbie e della molle fecondità,
stretta amica del cuore del maturante sole;
che cospiri con lui per caricare e beare
di frutti le viti che intorno alle grondaie corrono;
per piegare sotto le mele i muscosi alberi della capanna,
ed empire tutti i frutti di maturità fino al torso,
per gonfiare la zucca, e arrotondare i gusci delle nocciuole
con un dolce nòcciolo; per far gemmare altri
e ancora altri, più tardivi fiori per le api,
finché esse pensino che i giorni tepidi non finiranno mai,
perché l’Estate ha colmate fino all’orlo le loro viscose celle.

Chi non t’ ha veduto spesso fra la tua dovizia?
Talvolta chiunque vada fuori cercando può trovar
te a sedere senza pensieri su d’un’aia,
i tuoi capelli mollemente sollevati dal vaglio del vento;
o su un solco mietuto a mezzo profondamente addormentato,
assopito dai fumi dei papaveri, mentre il tuo falcetto
risparmia il prossimo mannello, e tutti i suoi fiori
e talvolta come uno spigolatore tu tieni intrecciati:
fermo il tuo capo carico attraversando un ruscello;
o presso un torchio da sidro, con sguardo paziente,
tu osservi gli ultimi trasudamenti per ore ed ore.

Dove sono i canti della Primavera? Sì, dove sono essi?
Non pensare ad essi; tu hai la tua musica pure,
mentre nuvole a sbarre fioriscono il giorno che lento muore,
e toccano i piani di stoppie con una rosea tinta;
allora in un lamentoso coro i moscerini gemono
tra i salici del fiume, portati in alto
o affondando, come il lieve vento vive o muore;
e adulti agnelli belano forte dal limite collinoso;
grilli di siepe cantano; ed ora con soave tenore
il pettirosso fischia dal recinto d’un giardino;
e le rondini si raccolgono trillando nei cieli.

(tale traduzione è apparsa nel 1925 in un volume edito da Sansoni, e la traduzione si deve a Raffaello Piccoli)

*** All’autunnu

Staggiuni ri’i negghi e ra tènira fiuritura,
ssritta amica ru cori ru suli chi tuttu matura;
chi trami cu iddu pì caricari e beari
ri frutti ‘i viti chi attornu a’li curniciuna cùrrinu;
pì piegari sutta a li meli i forti arbiri ra capanna,
e ìnchiri tutti i frutti maturi fin’a u tòrsulu,
pì gunfiari ‘a zucca e arrutunnari i scorci ri’i nocciòli
cu’n ruci nòcciulu; pì fari girmugghiari autri
e ancora autri, cchiù tardivi ¢iuri pì l’api,
accussì chisti pensanu ch’i iorna tepidi ‘n finìscinu mai,
picchì l’Estati à inchiùtu finu all’orlu li so appiccicusi scumpartimenti.

Cu è c’un t’à vistu spissu fra la tò abbunnanza?
Quarchi vota cu va fora circannu po’ truvàriti
assittatu senza pinseri supra ‘n’aia,
i tò capiddi teneramenti aisàti d’u respiru du ventu;
o supra un solcu mietutu ‘no menzu profondamenti addummisciutu, appisolatu d’i profumi r’i papaveri, mentri u tò falcettu risparmia u prossimu manneđđu, e tutti i so ¢iuri
e a li voti comu ‘nu spigulaturi tu teni ‘ntricciati:
ferma a tò testa càrrica mentri attraversi un turrintellu;
o vicinu a ‘na pressa ri siđru, cu’n sguardu pa¢inziusu,
tu talii l’urtimi sudura pi uri e uri.

Unni sunnu i canti r’a Primavera? Sì, unni sunnu iddi?
‘Un pinsari a iddi, tu hai ‘a tò musica puru,
mentri nuvole a sbarri òrnanu u iornu chi lentu mori,
e toccanu i piani ri stoppii cu’na tinta rusata;
allura ‘nun lamintusu coru i muschitti chiàncinu
tra i salici ru ¢iumi, purtati àuti o affunnannu, comu u ventu leggeru vivi o mori;
e agneddi crisciuti belanu forti r’u limiti r’a collina;
griddi ‘na siepi cantanu; e ora ru¢i
u pettirossu zùfula d’u recinto r’un gniardinu;
e li rondini si riunìscinu gurghiggiannu n’i ¢eli.

Rina Accardo

Annunci